Marchio Internazionale

Cosa è la Registrazione Internazionale di marchio

Il marchio internazionale è un istituto disciplinato dall’Accordo di Madrid del 14 Aprile 1891 per la registrazione internazionale dei marchi, integrato dal Protocollo di Madrid del 27 Giugno 1989.
Si presenta una unica Domanda di Registrazione Internazionale per i paesi di effettivo interesse, appartenenti all’Accordo di Madrid e al Protocollo di Madrid per la Registrazione Internazionale dei marchi di impresa.
La registrazione internazionale di marchio consente, con una procedura unificata di deposito, di ottenere, in ciascuno degli Stati aderenti all’Accordo e al Protocollo, la stessa protezione che le leggi di tali Stati offrono ai marchi nazionali.
La domanda di marchio internazionale deve essere basata su di una corrispondente domanda / registrazione nel paese di origine del richiedente, e si deposita, tramite l’amministrazione del paese di origine del richiedente, presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale con sede a Ginevra (Svizzera).

Dipendenza dal marchio nazionale

Il marchio Internazionale di cui si chiede la registrazione dovrà essere identico al Marchio italiano sia nell'immagine che nei prodotti rivendicati. E' possibile richiedere un Marchio Internazionale rivendicante solo una parte dei prodotti rivendicati dal marchio italiano.
La Registrazione Internazionale di marchio è dipendente dal marchio nazionale precedentemente registrato nel paese di origine per una durata di 5 anni a decorrere dalla data di registrazione del marchio internazionale.
Pertanto, se durante questi 5 anni, il marchio nazionale nel paese di origine è invalidato, tutto o in parte, anche il Marchio Internazionale perde la propria efficacia in modo corrispondente. Allo scadere del termine dei 5 anni il Marchio Internazionale diviene indipendente dal marchio nazionale registrato nel paese di origine.

Disciplina

Il Marchio Internazionale viene disciplinato dalle leggi vigenti in ciascuno Stato designato.
Il principale vantaggio risiede nel fatto che la designazione dei singoli paesi verrà valutata in base alle leggi nazionali dei paesi scelti. Di conseguenza, se il Marchio Internazionale viene annullato in un paese specifico, l’invalidità è limitata a quel paese e il marchio rimane in vigore negli altri.

Durata

La registrazione internazionale di marchio dura 10 anni a decorrere dalla data di registrazione ed è rinnovabile per periodi di 10 anni.

Diritti

I diritti di marchio sono conferiti con la registrazione. A decorrere dalla registrazione la protezione del marchio, in ciascuno dei paesi interessati, sarà la medesima che si avrebbe se questo marchio vi fosse stato direttamente depositato.



Uso

L’uso effettivo del marchio è obbligatorio. Il marchio deve formare oggetto di uso effettivo per tutti i prodotti o servizi per i quali è registrato entro un determinato periodo di tempo dalla registrazione che varia in base alla legislazione dei singoli paesi (usualmente 3 o 5 anni) e tale uso non deve essere sospeso per un uguale periodo ininterrotto di tempo. In caso contrario i diritti non possono essere fatti valere nei confronti di terzi e vi è il rischio che, su iniziativa di un terzo interessato, il marchio decada per mancato uso.
L’uso del marchio è obbligatorio in ciascuno Stato designato.
Se non sono già state intraprese azioni da parte di terzi o depositate domande di marchi confondibili, l’uso tardivo del marchio può sanare la registrazione, a seconda delle leggi nazionali.

Esame e Opposizione

L’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale svolge un esame formale, ad esempio sul pagamento delle tasse e sulla classificazione dei prodotti e dei servizi rivendicati nella domanda di registrazione.
Il Marchio Internazionale viene disciplinato dalle leggi vigenti in ciascuno Stato designato.
Ogni Stato svolge l’esame di registrabilità di un marchio, mentre non tutti gli Stati svolgono l’esame di novità.
Negli Stati che non svolgono l’esame di novità, ottenere una registrazione di marchio non esclude che esistano diritti anteriormente acquisiti da terzi che possono essere verificati solo mediante una ricerca di anteriorità.
La procedura di opposizione può essere attivata solo negli Stati designati che la prevedono.

Estensione territoriale

L’istituto del Marchio Internazionale consente una progressiva estensione della tutela territoriale del marchio: è possibile cioè designare all’atto del deposito della domanda solo alcuni stati e successivamente estendere la registrazione ad altri stati aderenti al sistema.

Annotazioni e trascrizioni

Devono essere rese pubbliche, attraverso la trascrizione o l’annotazione presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, tutte le variazioni inerenti la denominazione sociale e/o sede legale del titolare, nonché tutte le cessioni, fusioni, acquisizioni e qualsiasi altro atto che modifichi la titolarità dei diritti su un marchio.
Anche le licenze d’uso del marchio devono essere rese pubbliche mediante la trascrizione presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà intellettuale o presso i singoli uffici nazionali dei paesi designati, a seconda delle leggi nazionali.
Solo il titolare i cui dati sono correttamente inseriti presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale può fare valere contro terzi i diritti derivanti dal marchio.